• Progetti Export 2019

Progetti Export 2019

Linee Guida 2019

Progetti Export degli operatori italiani

Al fine di accrescere la valorizzazione e la conoscenza del prodotto attraverso l’incremento dei volumi di vendita del formaggio Parmigiano Reggiano DOP nei mercati esteri, anche per l’anno 2019 saranno rinnovate le attività di sostegno alle azioni promozionali realizzate dagli operatori commerciali italiani.

I progetti export prevedono il coinvolgimento preventivo e diretto del Consorzio nelle fasi di progettazione e tale coinvolgimento dovrà proseguire anche nelle fasi di programmazione operativa ed implementazione vera e propria delle attività, in taluni casi anche tramite il supporto delle Agenzie MKTG estere del Consorzio.

Le aziende interessate dovranno presentare entro il 28 Febbraio 2019 una richiesta per ogni progetto/mercato compilando integralmente e dettagliatamente la SCHEDA RICHIESTA PROGETTI EXPORT 2019.

I contenuti dei progetti dovranno:

  • essere legati ad obiettivi di aumento della conoscenza delle distintività del Parmigiano Reggiano e della sua valorizzazione;
  • prevedere un obiettivo di crescita dei quantitativi incrementali annui per singola catena;
  • prevedere un miglioramento di aspetti qualitativi quali l’inserimento di prodotto premium, lunghe stagionature e/o prodotti innovativi, nonché della presentazione del prodotto nei PDV;
  • garantire l’esclusiva della tipologia di promozione: lo stesso contenuto di attività non potrà essere applicato per la promozione di formaggi a pasta dura nel medesimo anno di competenza del contributo nello stesso Paese e sulla stessa catena o tramite lo stesso canale – in tal senso si rammenta che è inammissibile qualsiasi attività realizzata in concomitanza di promozione di prodotti competitors;
  • riguardare la promozione di Parmigiano Reggiano con indicazione obbligatoria di stagionatura minima in etichetta per il formaggio porzionato.

Il limite massimo di contributo erogabile per ogni singolo progetto, inteso come pianificazione di attività in virtù di un rapporto tra un soggetto proponente (es. ESPORTATORE) ed un beneficiario finale estero (es. CATENA GDO/HORECA) in un determinato Paese, sarà di 150.000 €. Non è prevista una soglia minima di investimento, tuttavia, nella fase di istruttoria verrà valutata la coerenza dell’investimento presentato con le attività previste ed i risultati attesi.

Ogni progetto verrà valutato singolarmente e sottoposto al Comitato Esecutivo per approvazione, dopodiché ne verrà data conferma scritta. Nella valutazione si terrà conto dei seguenti criteri generali: stimolo alla distintività del Parmigiano Reggiano, priorità ai prodotti di stagionatura minima pari o superiore a 24 mesi, tipo di area geografica coinvolta, performance dell’attività proposta (sia come azione singola che come totale annuo con la catena coinvolta), performance totale del proponente sulle vendite 2018 di Parmigiano Reggiano.

Nel corso dell’anno il Consorzio potrà condurre verifiche in merito alla buona esecuzione delle attività programmate.

Si ricorda che dovranno essere preventivamente inoltrati all’Ufficio Estero i calendari delle attività analiticamente dettagliati utilizzando il modulo SCHEDA CALENDARIZZAZIONE PROGETTI EXPORT 2019 (prevedendo aggiornamenti preventivi ove le azioni si discostassero da quanto precedentemente comunicato)

CRITERI DI ACCESSO 2019

Possono inoltrare domanda di contributo solo le aziende esportatrici:

Sono escluse le aziende che abbiamo rifiutato una delle verifiche documentali e contabili previste dalle attuali e dalle passate linee guida;

Il QUESTIONARIO AZIENDE COMMERCIALI 2018 dovrà pervenire tassativamente entro il 15 Febbraio 2019. Tali dati potranno essere verificati dalla società di revisione che condurrà audit presso la società/sede amministrativa.

I dati devono essere inviati all’attenzione del Dott. Claudio Montanari (e-mail: c.montanari@crpa.it; telefono: 0522/436999) e per conoscenza all’Ufficio Estero dello scrivente (e-mail: estero@parmigianoreggiano.it).

La DICHIARAZIONE DI ADESIONE PROGETTI 2019 deve essere compilata e restituita debitamente firmata contestualmente alla presentazione del primo progetto export a valere sul 2019.

MODALITA’

Tutta la documentazione prevista dalle presenti linee guida dovrà pervenire all’Ufficio Estero del Consorzio all’indirizzo e-mail: estero@parmigianoreggiano.it

Tutte le azioni dovranno essere obbligatoriamente realizzate entro il 31 Dicembre 2019.

EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

L’azienda esportatrice che ha ricevuto la formale assegnazione di risorse, dovrà comunicare tempestivamente in forma scritta al Consorzio la data di avvio dell’attività programmata, dando riscontro del numero di giornate e delle attività che andranno effettivamente realizzate.

Alla data di avvio i contributi saranno considerati in corso di maturazione.

Qualora l’azienda intenda ricevere le risorse in via anticipata potrà emettere regolare fattura di acconto per l’importo atteso, entro i limiti dell’importo assegnato, presentando contestualmente una fideiussione bancaria /assicurativa di pari importo.

Su richiesta scritta del Consorzio, in corso d’anno, l’azienda esportatrice si impegna a comunicare tempestivamente lo stato di avanzamento di ciascun progetto. Sempre in corso d’anno l’importo del contributo riconosciuto potrà essere ridotto, nei soli casi di mancato rispetto delle Linee Guida o di rating “negativo”.

Alla data di fine attività, e comunque non oltre il 30 Novembre 2019 anche per i progetti pianificati nel periodo natalizio, l’azienda esportatrice dovrà comunicare per iscritto, pena la perdita integrale dei contributi, il riepilogo delle azioni e l’importo del contributo che ritiene sarà effettivamente maturato al 31 Dicembre 2019.

L’importo così comunicato sarà da intendersi deliberato e definitivamente assegnato, salvo le disposizioni di seguito descritte. A fronte di questa comunicazione l’azienda potrà eventualmente emettere regolare fattura per il totale dell’importo, entro i limiti dell’importo assegnato e al netto di quanto già richiesto in via anticipata, indicando l’anno di competenza 2019. L’erogazione finanziaria dei fondi avverrà dopo l’avvenuta verifica della scheda riepilogativa del progetto (vedi sotto) che l’azienda è tenuta ad inviare inderogabilmente entro il 30 Giugno 2020.

Qualora l’azienda desideri ricevere le risorse in via anticipata rispetto a detto termine, potrà presentare contestualmente una fideiussione bancaria /assicurativa di pari importo.

La scheda riepilogativa analitica per ogni progetto/catena, dovrà contenere:

  • la copia dei materiali audiovisivi e promozionali (inserzioni ecc) immagini ritraenti attività,
  • la calendarizzazione definitiva.
  • le copie di tutte le fatture ed i relativi giustificativi di pagamento

Utilizzando i modelli RENDICONTAZIONE PROGETTI EXPORT 2019.xls

la Scheda riepilogativa andrà firmata dal legale rappresentante e sarà rilasciata ai sensi dell’art. 46 e 47 del DPR n.445/2000 e con la consapevolezza che le dichiarazioni mendaci sono punite ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia, secondo le disposizioni richiamate dall’Art. 76 del DPR n 445/2000.

Il Consorzio si riserva di verificare analiticamente e/o a campione la documentazione e le schede ricevute, anche attraverso una specifica attività di revisione contabile e documentale eventualmente presso l’azienda (attività che con l’adesione al presente bando il beneficiario autorizza sin d’ora).

Qualora a fronte di detto controllo dovessero emergere degli scostamenti rispetto alla “comunicazione scritta di fine attività”, l’azienda esportatrice integrerà la fatturazione, addebitando il Consorzio per l’importo dello scostamento stesso.

SOSPENSIVA

Qualora il beneficiario fosse titolare di contenziosi contro il Consorzio pendenti avanti le giurisdizioni nazionali o in sede arbitrale, il Consorzio tratterrà le somme fino a sentenza, a titolo di garanzia per copertura, in caso di sentenza avversa al soggetto ricorrente, dei costi interni ed esterni sostenuti dal Consorzio per la gestione del contenzioso ed eventualmente non risarciti dal giudice.

RATING

Gli operatori che accedono ai contributi 2019 sono sottoposti a valutazione soggettiva (rating) basata su:

  1. nuove non conformità gravi rilevate da OCQ-PR nel biennio 2018/2019;
  2. nuove violazioni sanzionate e/o segnalate dalla vigilanza-CFPR ad organi ufficiali e/o sanzionate da altri organi nazionali competenti (Icq, Nac, Nas, Cfs) nel 2018/2019;
  3. anomalie gravi riscontrate nell’ambito del Programma di Sorveglianza Grattugie e Porzionatura promosso dal Consorzio;
  4. eventuali scostamenti rilevati nell’audit contabile obbligatoria realizzata da primaria società di revisione incaricata dal Consorzio.

In caso di rating «negativo», il Consorzio si riserva l’inderogabile diritto di ridurre l’importo dei contributi riconosciuti all’operatore.