• 2003

PARMIGIANO REGGIANO: SODDISFAZIONE PER LA NASCITA DELLA "EAT" E PER L'ODIERNA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

Un'altra vittoria in sede comunitaria per i prodotti Dop. Intanto, a Bruxelles nasce la "Eat", associazione europea dei produttori di formaggi a base di latte crudo. Tra i promotori, il Consorzio del Parmigiano Reggiano.


Bruxells, 20 maggio 2003 - Mentre da Lussemburgo giunge la sentenza della Corte di Giustizia Europea che impone che le operazioni di "condizionamento" dei prodotti Dop (come la grattugiatura e affettamento) avvengano nei territori di origine, da Bruxelles il Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano annuncia la nascita della Eat (European alliance for artisan and traditional raw milk product), associazione che si pone l'obiettivo di valorizzare, in un'ottica comunitaria, i produttori che utilizzano latte crudo, come per il Parmigiano Reggiano.

Nasce la Eat (European alliance for artisan and traditional raw milk product)
Costituita oggi nel capitale belga, la Eat annovera tra i fondatori, oltre all'italiana Afidop (associazione dei formaggi Dop italiani, rappresentata da Leo Bertozzi, direttore del Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano), i produttori francesi che ruotano attorno alla Maison du Lait di Parigi, rappresentati dal Cnaol (Comitè national appelation d'origine laitiere). Ma la compagine della nuova associazione comprende anche associazioni inglesi, irlandesi, danesi e austriache.
"Il coinvolgimento dei Paesi del Nord Europa rappresenta un fatto del tutto nuovo – spiega Leo Bertozzi, direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano –. E' il risultato di un'accurata politica di coinvolgimento, portata avanti dai Paesi con più esperienza in questo campo, nei confronti di quelle realtà che, pur rappresentando produzioni minoritarie, stanno mostrando grande impegno nel recupero di antiche tradizioni locali.
In questo modo siamo riusciti a compiere un piccolo passo avanti verso la creazione di quella "cultura europea" che, come abbiamo affermato più volte, potrebbe prendere vita proprio a partire dalle produzioni alimentari tipiche e di qualità, che sono elementi fondamentali di identità e di cultura".
In coerenza con questi presupposti, la presidenza della Associazione europea fra i produtti a latte crudo è stata affidata allo scozzese Errington.
"Siamo lieti di mettere a disposizione di questa nuova importante esperienza il know-how maturato dal Parmigiano Reggiano – ha concluso Leo Bertozzi - un prodotto la cui storia ed evoluzione è esemplare per testimoniare quanto siano benefici, oltre che sicuri sotto il profilo igienico-sanitario, i prodotti a base di latte crudo".

Soddisfazione per la sentenza della Corte di Giustizia
Il Consorzio esprime la piena soddisfazione per la sentenza della Corte di Giustizia Europea sull'affettamento del Prosciutto di Parma e sulla grattugiatura del Grana Padano nella zona d'origine.
"E' il primo effetto della modifica del Regolamento Cee 2081/92 sulle Dop – commenta Andrea Bonati, presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano – avvenuta nell'aprile scorso. La sentenza di oggi segna un'ulteriore vittoria per tutti i prodotti Dop, in quanto sancisce i principi di tutela di tali prodotti in tutti i Paesi della Ue. Il nostro impegno, ora, sarà quello favorirne il rapido recepimento a livello nazionale, sia nei Disciplinari dei singoli prodotti, sia nella legislazione nazionale".

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette