• 2007

LA VIA FRANCIGENA A PARIGI FA INCONTRARE PARMIGIANO-REGGIANO E CHAMPAGNE

Giovedì 5 luglio, presso il Consolato Generale d’Italia, sarà presentata la rivista bilingue dedicata all’antica via dei pellegrini. Parmigiano-Reggiano e Champagne saranno i co-protagonisti dell’evento. Prevista anche la firma del protocollo di collaborazione tra AEVF e la compagnia di trasporto marittimo Seafrance

Parma, 3 luglio 2007 – L’Associazione Europea delle Vie Francigena e il Consorzio del Parmigiano-Reggiano, presentano il prossimo 5 luglio a Parigi, presso il Consolato generale d’Italia, la rivista Via Francigena, uno strumento di comunicazione bilingue, che ha l’obiettivo dei promuovere il progetto sull’antica via dei pellegrini di consolidare il paternariato istituzionale pubblico e privato in ambito territoriale europeo. Tra i protagonisti dell’evento Seafrance, membro onorario di AEVF. L’iniziativa è patrocinata dal Consiglio d’Europa e dall’Istituto degli Itinerari Culturali di Lussemburgo.
A fare gli onori di casa il Console Generale Alessandro Levi Sandri. A seguire gli interventi di Massimo Tedeschi, Presidente dell’AEVF (Associazione europea della via Francigena) e di André Flajolet - Presidente della Comunità Artois-Lys - prima Comunità di Municipalità francesi aderenti al progetto Via Francigena - e Deputato all’Assemblea Nazionale.
Prevista anche la testimonianza di Pier Luigi Ferrari, vice-Presidente della Provincia di Parma, che da sempre ha sostenuto e promosso il progetto editoriale Via Francigena, affiancato da un sindaco del territorio parmense, Fiorenzo Bergamaschi, promotore di contatti con la capitale francese sul tema dei prodotti d’eccellenza nell’ambito del salone “Vin de Vignerons” , esempio di come diversi livelli di notorietà possono creare anche una virtuosa comunicazione di qualità.
“Valorizzare il patrimonio storico e culturale che da sempre accompagna la via Francigena– ha detto Massimo Tedeschi, presidente dell’AEVF – è un obiettivo che sta certamente a cuore a noi, ma che trova la condivisione di tutte le nazioni europee attente alla cultura e alla storia del nostro continente. Con l’iniziativa presso il Consolato di Parigi, vogliamo sottolineare ancora una volta questi aspetti e lo facciamo nella capitale di un paese che ci è particolarmente vicino”.
“Promuovere la via Francigena – dice Pier Luigi Ferrari, vice presidente della Provincia di Parma – significa anche valorizzare i territori e le rispettive eccellenze. E’ il caso del Parmigiano-Reggiano e dello Champagne, che accompagneranno l’evento del 5 luglio prossimo. prodotti di assoluto valore che possono trovare nuovo impulso anche da eventi culturali che riscoprono la nostra storia e le nostre tradizioni”.
“Da tempo come Consorzio – dice Stefano Cavazzini, Presidente della sezione di Parma del Consorzio del Parmigiano-Reggiano – affianchiamo l’Associazione della via Francigena. E’ un rapporto consolidato che ha fatto un ulteriore salto di qualità negli ultimi tempi e l’evento di Parigi ne è la testimonianza diretta. Ci uniscono valori comuni, culturali e storici. Del resto la via Francigena nasce nello stesso periodo in cui nelle nostre zone i monaci benedettini e cistercensi cominciavano a produrre il Parmigiano-Reggiano”.
Gli eventi e le iniziative di valorizzazione della via Francigena nascono anche da un suggerimento “alto”, che nel 2001 lo storico Jaques Le Goff donò a Massimo Tedeschi, allora sindaco di Fidenza, città che oggi è sede nazionale dell’ AEVF e che fu la scintilla che fece crescere gli interessi sul tema\progetto della Via Francigena. Il celebre medievalista invitava l’allora primo cittadino a farsi carico della necessità per le piccole comunità locali di ancorarsi fortemente alla storia del loro territorio e di affondare in essa le radici della crescita futura; solo così sarà possibile non vacillare seguendo le dinamiche moderne del progresso tecnologico, sociale e politico.
Alla collaboratrice ed allieva di Le Goff, Daniela Romagnoli, docente universitaria, nel corso dell’evento del prossimo 5 luglio sarà affidato il compito di una riflessione sul valore etico e culturale della Via Francigena e della lettura di un messaggio che l’insigne storico ha formulato per l’ occasione della presentazione della rivista.
Presso il Consolato generale d’Italia il Ministero italiano per i Beni Culturali, e l’Istituto degli Itinerari Culturali di Lussemburgo saranno rappresentati rispettivamente da Piercarlo Rampini, incaricato dal Ministro Rutelli di coordinare le attività di rilancio svolte dal Governo italiano sul tema\progetto Via Francigena e da Michel Thomas –Penette, direttore dell’Istituto citato, e coordinatore del progetto degli Itinerari culturali del consiglio d’Europa. Presente anche la Municipalità di Canterbury con l’intervento del consigliere Harry Cragg, città simbolo della storia della Via Francigena, patria dell’arcivescovo Sigerico, Kmo dello storico percorso.
A Parigi sarà presente anche una delegazione di Fidenza, sede europea dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, composta, oltre che dal presidente, anche dal sindaco di Fidenza, Giuseppe Cerri e dal vicesindaco Paolo Antonini.
A conclusione degli interventi, coordinati da Carla Cropera, segretario generale dell’ AEVF, il Presidente della sezione di Parma del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, Stefano Cavazzini motiverà il convinto sostegno che il Consorzio sta dando al progetto Via Francigena e accompagnerà tutti gli invitati alla degustazione dello storico formaggio italiano che per l’occasione sarà affiancato dallo champagne francese Raymond Boulard, due prodotti di eccellenza per una comunicazione motivata e ricca di contenuti culturali e turistici.
Durante l’evento per la presentazione della rivista Via Francigena sarà firmato un protocollo di collaborazione tra AEVF e la compagnia di trasporto marittimo Seafrance. Il Presidente dell’associazione, Massimo Tedeschi e il direttore commerciale di Seafrance Eudes Riblier sigleranno un accordo che porterà il logo del pellegrino francigeno su tutta la flotta e promuoverà azioni di conoscenza del progetto: una Via Francigena dunque nel segno della qualità.
Presenti in sala, con diversi membri dell’AEVF gli editori Enzo e Stefano Guidotti.
Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette