• 2009

DALL'ASSEMBLEA IL VIA LIBERA AL RITIRO DELLE FORME

Parmigiano-Reggiano Notizie gennaio 2009 - L'EDITORIALE di Giuseppe Alai

23 gennaio 2009 - Si è tenuta il 20 gennaio l'Assemblea dei delegati nominati dalle sezioni nelle precedenti assemblee svolte in ogni provincia. Vi è stata un'ampia partecipazione, 46 delegati su 48, che hanno rappresentato i 344 caseifici presenti nelle singole assemblee di sezione suddivise per provincia. E' stato discusso il progetto di ritiro forme per la destinazione in parte agli indigenti e in parte per il progetto promozionale di esportazione che il Consorzio sta portando avanti insieme agli esportatori. L'esito è stato molto positivo, il 97,5% dei caseifici che hanno partecipato ha dato parere favorevole, con un'astensione limitata al 2,5%, senza nessun voto contrario.

Tramite questo nostro referendum partecipativo si è avuto da una parte un pieno consenso dei caseifici , dall'altra si è dotato il Consorzio del quantitativo di forme necessario per fare sia il bando Agea per gli indigenti (95.000 forme circa), sia il progetto promozionale estero, per 55.000 ulteriori forme, che stagioneremo ed andremo poi a mettere a disposizione della commissione degli esportatori.

Ora il Consorzio dovrà individuare un confezionatore che accetti di compartecipare a queste iniziative e, di conseguenza, faccia l'offerta al bando Agea, si preoccupi del ritiro del prodotto presso i caseifici, ne effettui anche il confezionamento in pezzi che oscillano dai 6 agli 8 etti di peso e consegni poi questo formaggio alle associazioni che si occupano di distribuire poi questo prodotto sulla mensa degli indigenti.
L'ulteriore parte di forme che verrà ritirata invece verrà momentaneamente accantonata nei magazzini per la stagionatura, successivamente dal prossimo settembre cominceremo con azioni promozionali all'estero che abbiamo programmato in seguito agli incontri già svolti nell'autunno 2008 con gli esportatori, i quali hanno già dichiarato la loro disponibilità a compartecipare a questo tipo di progetto.
Nel frattempo, stiamo presentando una bozza di progetto per individuare le risorse ottenibili dal contributo di Buonitalia, abbiamo già avuto dei contatti con il nuovo presidente di Buonitalia, il dottor Brunello, il quale si è reso disponibile ad individuare con noi i paesi più idonei per affrontare questo tipo di promozione: Stati Uniti e Canada, Russia, Giappone e paesi limitrofi (Thailandia e Corea del sud), mentre in Europa si sono individuati come paesi la Gran Bretagna e la Germania.

Esistono oggi, quindi, tutti i presupposti per poter concretizzare il progetto che è stato pensato nel mese di ottobre insieme al ministro Zaia e poi successivamente insieme al Grana Padano. Stiamo concretizzando questa situazione che sta vivendo una fase di notevole consenso presso i caseifici. Per quanto riguarda invece la raccolta di disponibilità da parte dei caseifici a fornire il numero delle forme necessarie, circa il 40% dei caseifici ha dato la propria disponibilità, ma questo 40% ha comunque dato disponibilità per il 70% del prodotto necessario, conseguenza oggi vi sono le condizioni per compiere il progetto ed è ipotizzabile che nelle prossime settimane anche l'uscita del bando e la proposta di offerta che verrà fatta insieme al confezionatore potranno portare dei risultati soddisfacenti.
Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette