• 2010

INFORMAZIONI TECNICHE

Il Parmigiano-Reggiano: un alimento naturalmente funzionale

Informazioni tecniche a cura di Marco Nocetti, responsabile dell'Ufficio Tecnico del Consorzio

Reggio Emilia, 17 dicembre 2010 - Con il dottor Marco Nocetti, del Servizio Tecnico del Consorzio; affrontiamo oggi l'argomento degli alimenti funzionali prendendo spunto da un convegno organizzato da Europass che si e’ tenuto il 19 novembre scorso a Reggio Emilia:

Quale e’ stato il tema del convegno?
Il tema del convegno è stata la funzionalità dei prodotti DOP ed IGP dell’Emilia-Romagna. Il tema degli alimenti funzionali è oggi molto attuale, definendosi in questo modo gli alimenti che, utilizzati nell’ambito di una dieta normale, oltre a nutrire svolgono specifiche azioni positive sullo stato di salute e  di benessere.
Molti di questi alimenti, ormai abbondantemente presenti sul mercato, sono prodotti industriali molto spinti tecnologicamente, per cui per certi versi il termine “funzionale” non è facilmente accostabile, di primo acchito, a quello di “tradizionale”, come sono i prodotto D.O.P.: in realtà, invece, abbinare i due termini è solo un modo moderno per dire quello che si sa da sempre, è cioè che questi prodotti, oltre ad essere buoni, fanno bene.

Chi erano i relatori e quali sono stati gli alimenti di cui si e’ parlato?
Oltre al direttore del Consorzio, dottor Bertozzi, che ha illustrato come viene sviluppata la tutela dei prodotti D.O.P., i relatori sono stati due nutrizionisti, la dottoressa Bordoni ed il professor Del Toma, che hanno illustrato le caratteristiche di alcuni alimenti tradizionali della nostra regione con particolare riferimento ovviamente al Parmigiano-Reggiano.

Il Parmigiano-Reggiano: un alimento naturalmente funzionale

Quali sono i punti di forza del Parmigiano-Reggiano da un punto di vista nutrizionale?
Il Parmigiano-Reggiano, secondo le modalità prescritte dal Regolamento 1924/2006, che regola in modo molto rigido ed anche complesso le comunicazione in materia di caratteristiche nutrizionali e salutistiche degli alimenti, è un alimento senza zuccheri (in particolare senza lattosio), ad alto contenuto di proteine, fonte di vitamine (A, B12 e biotina), oltre che di calcio, fosforo, zinco e selenio. E' da notare che queste affermazioni, apparentemente banali, a norma del regolamento 1924/2006 possono essere comunicate al consumatore a seguito di specifiche conformità fissate dal regolamento stesso.

Cioè per fare affermazioni di questo tipo bisogna avere alle spalle una robusta attività analitica e di ricerca...
Sì, infatti i produttori di Parmigiano-Reggiano le possono fare a seguito dell’intenso lavoro che il Consorzio, a partire dagli anni ’80, ha svolto in merito; i dati prodotti sono stati sintetizzati nel documento Il Parmigiano-Reggiano: un alimento naturalmente funzionale, realizzato assieme all’INRAN e disponibile sul sito del C.F.P.R.: https://www.parmigianoreggiano.it/area_tecnica/valore_nutrizionale/default.aspx. Altre ricerche sono in corso su aspetti ancor più suggestivi come l’ipoallergenicità (il Parmigiano-Reggiano può essere assunto da soggetti allergici al latte?), la presenza di composti prebiotica (che favoriscono la crescita nell’intestino di benefica flora prebiotica) e di peptidi bioattivi sulla biodisponibilita’ del calcio, abbondantissimo ma anche di eccezionale “qualità”.

Su questi temi il Servizio Tecnico è quindi ancora al lavoro...
Sì, dato che a partire da queste ricerche, vogliamo produrre materiale per una comunicazione mirata ad alcuni tipi particolarmente esigenti di consumatori come i bambini, gli sportivi e gli anziani che possono soddisfare con un prodotto così ricco e sano come è il Parmigiano-Reggiano le loro specifiche esigenze nutrizionali.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette