• 2011

Ottimo bilancio del 2010, continuano i ritiri nel 2011

Editoriale di Giuseppe Alai, presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, nella trasmissione mensile di informazione "Parmigiano-Reggiano Notizie" del gennaio 2011.

Reggio Emilia, 21 gennaio 2011 - Si è da poco conclusa l’annata 2010 che ha visto la nostra produzione aumentare del 2,44%; complessivamente, sono 3.018.260 le forme prodotte nel 2010 con un aumento di 72.000 unità.

È stata un’annata importante, questa, nella quale si sono realizzati, dal punto di vista dell’impatto di mercato, importanti obiettivi: l’aumento delle esportazioni, che hanno segnato un + 12,4%, e una sostanziale tenuta dei consumi sul mercato nazionale, con una leggera flessione dell’1,2%.

Tutte queste condizioni fanno ovviamente ben sperare per le quotazioni del mercato, anche in funzione del fatto che le scorte nei magazzini, presenti a novembre, erano in ulteriore riduzione del 13,3% rispetto all’annata precedente.

Queste condizioni, se sapranno essere gestite in modo adeguato da parte dei caseifici, ci consentiranno di affacciarci sull’annata 2011 con un cauto ottimismo, per lo meno fino allo scadere del primo semestre. Per il secondo semestre, il Consorzio sta gia attivando un’azione che possa incidere sulle quotazioni del nostro formaggio anche nel periodo medio- lungo; infatti, si sta predisponendo un ritiro di 100.000 forme circa da parte del Consorzio, che saranno destinate successivamente ai progetti promozionali sui mercati esteri. L'obiettivo di 100.000 forme non è a caso, perché si ottiene sommando l’aumento di produzione di 70.000 forme che abbiamo registrato nel corso del 2010, a cui vanno sommate altre 30.000 forme, che è all'incirca il quantitativo che è stato ritirato da AGEA nel corso dell’annata 2010.

Quindi, se i caseifici aderiranno alla proposta di ritiro delle forme che è gia stata inviata loro dal Consorzio, sul mercato non dovrebbe verificarsi un aumento dell’offerta. Questo significherebbe per i caseifici gestire le trattative di vendita ancora con un certo potere negoziale, che potrà consentire ai produttori di trarre ancora soddisfazioni economiche dai mercati.

Questo a testimonianza che le attività che stanno per essere realizzate dal Consorzio sono numerose e impegnative e sono in continuità con un’annata in cui si sono ottenuti traguardi e risultati assolutamente positivi.

In questo periodo stiamo incontrando i caseifici e gli allevatori per far conoscere le novità introdotte dall’approvazione delle modifiche al disciplinare, che ci aspettiamo sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea nel mese di febbraio. Dopo 20 giorni dalla pubblicazione, le modifiche al nostro disciplinare entreranno in vigore a tutti gli effetti; sarà quindi molto utile che gli allevatori partecipino e vengano a conoscenza di quelle norme fondamentali che andranno a modificare gli assetti strutturali e produttivi degli allevamenti e dei caseifici, con specifico riferimento a 4 aspetti fondamentali: il primo riguarda il confezionamento in zona, che è stato un po’ croce e delizia di questo disciplinare, in quanto ci ha fatto attendere ben 7 anni per l'approvazione, ma alla fine abbiamo avuto la soddisfazione del risultato; il secondo aspetto è in merito alla possibilità di introdurre in allevamento animali che provengono da altre filiere produttive ma il conferimento del latte potrà avvenire solo dopo che sia passato un periodo di 4 mesi; il terzo elemento fondamentale riguarda la detenzione degli insilati all'interno degli allevamenti, per cui non si potrà più detenere presso gli allevamenti insilati di nessun genere;

il quarto aspetto va a radicare ancora di più la produzione del Parmigiano-Reggiano al territorio ed alla realtà agricola, poiché prevede che la quota di foraggi di origine aziendale sai portata dal 35 al 50%.

Questa è una normativa assolutamente importante che va a costituire l’ossatura del nostro disciplinare, con l’obiettivo di continuare a migliorare la qualità del nostro prodotto per offrirlo al consumatore sempre con le migliori garanzie.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette