• 2011

Reggio Emilia

Il Palio di San Lucio a Guastalla

Domenica 25 settembre, durante la manifestazione Piante e Animali Perduti (24-25 settembre), la "tenzone" del Parmigiano-Reggiano

Reggio Emilia, 26 settembre 2011  -  E' stato un vero tuffo nel passato percorrere le strade di Guastalla il fine settimana del 24 e 25 settembre, durante  la XV edizione di "PIANTE E ANIMALI PERDUTI". La manifestazione ha ospitato la mostra-mercato di varietà tradizionali di frutti, fiori, ortaggi e sementi, razze di animali rurali. E' stato quindi possibile riscoprire, nelle vie della cittadina della bassa reggiana che si affaccia sul fiume Po, tutto ciò che si trovava nelle nostre campagne e che ancora tanti stanno conservando, materiale vivente che viene ancor oggi riprodotto e conservato nel tempo, appassionati che forse lo fanno in nome dell'amore e della nostalgia per il passato, ma che di fatto stanno attuando una preziosa opera di conservazione della biodiversità.

E ovviamente, come in ogni fiera che si rispetti, non è mancata la mostra-mercato dei prodotti eno-gastronomici della nostra terra, dove il PARMIGIANO-REGGIANO ha segnato un'immancabile presenza grazie a stand organizzati da alcuni nostri caseifici produttori.

Un momento particolare di presenza del Parmigiano-Reggiano si è realizzato nel pomeriggio di domenica 25 settembre. Infatti, presso il Conservatoio del Chiostro di Palazzo Ducale, alle ore 16, ha preso il via la 1° edizione del Palio di San Lucio, una gara, meglio..., una "tenzone" del Parmigiano-Reggiano tra i caseifici dei comuni rivieraschi ( o limitrofi a questi) del Po. La tenzone è stata organizzata proprio dal Consorzio, e per ogni provincia della zona di origine del Parmigiano-Reggiano, cioè da Parma, Reggio Emilia, Modena e Mantova (sud del Po) sono intervenuti due caseifici, mentre uno solo è arrivato da Bologna. Questi produttori hanno consegnato una forma selezionata della loro produzione, di età di 24-26 mesi, e tutte le forme sono state poste in mostra, ovviamente in modo anonimo, ricoprendo la matricola del caseificio di produzione. All'inizio della tenzone sono state tagliate dagli esperti del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, e così da ogni forma è stata ricavata una punta poi consegnata alla giuria. Questa era composta dagli assaggiatori della APR, l'Associazione di Assaggiatori Parmigiano-Reggiano. E' stato così proclamato il caseificio vincitore al quale è stato consegnato il Palio di San Lucio, un drappo che resterà in dotazione e farà bella mostra di sé nel negozio di vendita del caseificio vincitore per un anno e che sarà restituito alla prossima edizione, ancora disponibile per la disfida. Al caseificio vincitore è rimasta anche una riproduzione del Palio stesso da mostrare ai nipoti davanti al caminetto... Al termine non sono mancati assaggi per tutti.

Leggi l'intero programma della manifestazione Piante e Animali Perduti!

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette