• 2011

Il Parmigiano-Reggiano nel 60° anniversario della Convenzione di Stresa

Sarà Giuseppe Alai, presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano e di Afidop, ad aprire le celebrazioni a Stresa, mercoledì 1° giugno prossimo, per ricordare la firma della Convenzione Internazionale, la cui evoluzione portò al riconoscimento delle denominazioni di origine dei formaggi, anche grazie all'impegno costante ed al ruolo del nostro Consorzio.

Reggio Emilia, 27 maggio 2011  -  Il 1° giugno prossimo cadrà una ricorrenza che ricorda una tappa storica per i formaggi DOP e per il Parmigiano-Reggiano. A Stresa sarà infatti celebrato il 60° anniversario della stipula della “Convenzione Internazionale sull’uso delle designazioni di origine e delle denominazioni dei formaggi”, meglio conosciuta come “Convenzione di Stresa”. Tale Convenzione fu firmata proprio nella cittadina piemontese il 1° giugno del 1951 da Italia, Austria, Danimarca, Francia, Norvegia, Svezia e Svizzera, per impegnarsi a riconoscere e tutelare reciprocamente, nei rispettivi territori nazionali, alcune denominazioni dei formaggi, tra cui il Parmigiano-Reggiano.

Fu questa una tappa fondamentale poiché determinò l’emanazione delle normative nazionali di tutela e valorizzazione dei formaggi - la legge n. 125 del 1954 sui formaggi a denominazione di origine per l'Italia – ma soprattutto ha attivato un più ampio processo che ha portato poi al Regolamento CE n. 2081/92, riguardante tutti i prodotti agroalimentari DOP e IGP.

Afidop, l'Associazione dei Formaggi Italiani DOP, celebrerà questa importante ricorrenza proprio a Stresa, chiamando a raccolta i rappresentanti delle associazioni dei produttori dei formaggi, italiani ed esteri, che furono riconosciuti e protetti attraverso la Convenzione, nonché i delegati dei Paesi firmatari e le massime rappresentanze delle Autorità governative e parlamentari nazionali e Comunitarie

Il Consorzio del Parmigiano-Reggiano ebbe un ruolo importante all'interno della Convenzione per varie ragioni. Prima di tutto nel 1951 il Parmigiano-Reggiano era già presente come formaggio a denominazione d'origine, avendo i produttori già fondato, nel 1934, il consorzio di tutela con il nome di "Consorzio Interprovinciale del Grana Tipico".

Proprio il Consorzio, nella figura di Giampaolo Mora, presidente dal 1967 al 1992 e attualmente presidente onorario, ha svolto un ruolo di primo piano per dare pratica applicazione alla Convenzione, che ha regolato per decenni gli scambi commerciali con la Svizzera e senza la quale non ci sarebbe il Regolamento comunitario sulle DOP. Infatti, la ricerca di una protezione delle denominazioni d'origine per i Paesi membri dell'Unione Europea è stata ricercata dal Consorzio come evoluzione naturale della Convenzione di Stresa, per estendere il riconoscimento delle denominazioni alla realtà comunitaria, sempre più aperta a nuovi Paesi membri. Questo costante impegno per ottenere quadri legali di protezione internazionale ha rappresentato un grande traguardo per il Consorzio e per la tutela del Parmigiano Reggiano, come hanno poi dimostrato due decisioni della Corte di giustizia europea sul Parmesan e diverse decisioni di Tribunali nazionali dell'Unione Europea.  

Nella giornata del 1° giugno sarà il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai, ad aprire i lavori in quanto presidente di Afidop, testimoniando così la continuità dell'impegno del Consorzio del Parmigiano-Reggiano che, dalla sua fondazione nel 1934, ha svolto sempre e svolge tuttora un ruolo di primo piano nella ricerca della protezione e della valorizzazione dei formaggi a denominazione d'origine.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette